Alpinisti illegali in URSS


Alpinisti illegali in URSS

Scorte disponibili
Possibilità di spedizione entro 1 giorno lavorativo

14,50


Autori:  Cornelia Klauss e Frank Böttcher
Editore: Keller

Tutti sappiamo della gente dell’Est che fuggiva all’Ovest durante la Guerra fredda, ma che cosa sappiamo di chi invece voleva scoprire cosa stesse accadendo a Oriente? Queste sono le voci, le immagini, i resoconti di alcuni viaggiatori illegali nell’Imperium sovietico.
Una sola grande passione: la libertà e con essa la curiosità, la montagna, la natura… Un gruppo di giovani negli anni Settanta e Ottanta si mette in viaggio (ognuno per conto proprio), non per sfuggire al comunismo riparando in Occidente ma per scoprire cosa ci fosse oltre l’orizzonte. Montagne da scalare, altipiani e pianure da percorrere e popoli da scoprire e gente, tanta gente da incontrare. Tutto unito nel nome dell’Unione Sovietica eppure tutto così diverso e incredibilmente variegato…
In questo secondo volume al centro c’è la natura e la montagna, le grandi cime sconosciute ai più. Christian Hufen e Kai Reinhart tracciano un affresco dei rapporti con l’alpinismo nei paesi dell’Est e nella DDR come prima non era mai stato fatto. Hartmut Beil ci porta nei suoi viaggi per raggiungere le alte quote attraverso l’immenso territorio sovietico e ancora le ascensioni sull’Elbrus, sul Picco Lenin e sul Picco del Comunismo. L’avventura però comincia molto prima nel lungo tragitto che conduce gli “alpinisti” dalla DDR alla base delle montagne – tra incontri, arresti e interrogatori – in cui si scopre una Unione Sovietica inconsueta.

 

Informazioni aggiuntive sul prodotto

Titolo Alpinisti illegali in URSS
Sottotitolo Viaggiare controvento
Collana Razione K
Autore Cornelia Klauss e Frank Böttcher
Editore Keller
Data 2018
Pagine 144
Dimensioni 17 x 21 cm
Formato Brossura con alette
Illustrazioni in bianco e nero
ISBN o EAN 9788899911256

Raccomandiamo inoltre


Cerca anche queste categorie: Esplorazione e avventura, Alpinisti e grandi imprese