Cerro Torre, mito della Patagonia


Cerro Torre, mito della Patagonia

Scorte disponibili
Possibilità di spedizione entro 1 giorno lavorativo

35,00


Autore: Dauer Tom
Editore: Corbaccio

La Patagonia è una terra di estremi: è estremo l’isolamento delle montagne, sono estreme le tempeste che da occidente si abbattono sulle Ande meridionali e creano bizzarre figure di ghiaccio sulle vette delle montagne. Sono estremi anche i contrasti fra la vastità dello Hielo Patagónico e le torri di granito che si stagliano verticali verso il cielo. La Patagonia ha affascinato i migliori alpinistiReinhard Karl, Stefan Glowacz, Alexander Huber, Stephan Siegrist – e ancora oggi è considerata da viaggiatori e alpinisti un luogo magico. Fra le vette della Patagonia il Cerro Torre non è la più alta, ma di sicuro è la più affascinante. Lo snello obelisco di granito è stato teatro di uno dei drammi più dibattuti di tutta la storia dell’alpinismo: nel 1959 Cesare Maestri e Toni Egger cercarono di conquistarne la vetta. Cercarono o riuscirono a raggiungerla effettivamente? Egger morì in discesa a causa di una slavina; ancora oggi Maestri sostiene ciò di cui molti invece dubitano, e cioè di essere arrivato in cima. Il 13 gennaio 2004 ha segnato i trent’anni dalla prima ascesa indiscussa del Cerro Torre, da parte di Casimiro Ferrari. Dall’arrivo di Ferdinando Magellano nella Terra del Fuoco attraverso il mistero di Maestri fino alle vie di oggi, Tom Dauer ci presenta la storia della montagna più famosa della Patagonia, lasciando parlare direttamente i protagonisti provenienti da tutto il mondo. Il volume è arricchito dalle innumerevoli immagini del fotografo e alpinista svizzero Thomas Ulrich.

Informazioni aggiuntive sul prodotto

Titolo Cerro Torre
Sottotitolo Mito della Patagonia
Collana Exploits
Autore Dauer Tom
Editore Corbaccio
Data 2008
Pagine 371
Dimensioni 19 x 24 cm
Formato Copertina rigida
Lingua italiano
ISBN o EAN 9788879729031

Raccomandiamo inoltre

On the rocks
19,60
Cerro Torre
21,00

Cerca anche queste categorie: Corbaccio, Cultura alpina