Aria sottile


Aria sottile

Scorte disponibili
Possibilità di spedizione entro 1 giorno lavorativo

19,90


Autore: Jon Krakauer
Editore: Corbaccio

Riconosciuto dal 1852 come la montagna più alta del mondo, l’Everest o Sagamartha (dea del cielo) o Chomo Lungma (Madre del mondo) è sempre stato oggetto di fascinazione, ossessione e desiderio sia per gli alpinisti che per i sognatori. Da qualche anno, se si hanno i cinquantamila euro necessari, è alla portata di tutti. Basta prenotarsi in una delle agenzie turistiche specializzate in emozioni estreme e riempire l’assegno. Quando nel maggio del 1996 Krakauer fu inviato dal giornale per il quale lavora, Out-side, a partecipare a una spedizione sull’Everest per scrivere un articolo sulla proliferazione delle scalate a pagamento condotte da guide professioniste, sembrò il logico coronamento di una carriera che era riuscita a combinare le sue due passioni: l’alpinismo e la scrittura. Il 10 maggio, però, una tempesta colse di sorpresa le quattro spedizioni che si trovavano sulla cima. Alla fine della giornata 9 alpinisti erano morti, incluse due delle migliori guide. Krakauer è tra i fortunati che sono riusciti a ridiscendere «la Montagna ». Aria sottile è molto più che la cronaca di quella tragedia; oltre ad offrire importanti informazioni sulla storia e sulla tecnica delle ascensioni all’Everest, offre un esame onesto e provocatorio delle motivazioni che stanno dietro alle ascensioni ad alta quota e una drammatica testimonianza del perché quella tragedia si poteva evitare.

I GIUDIZI
"Il più bel libro di montagna che sia stato scritto negli ultimi vent'anni."
La Repubblica
"Capita di rado che un libro di alpinismo buchi la ristretta cerchia dei lettori appassionati di genere, mettendo in luce nelle sue pagine il potere evocativo dei grandi romanzi... Aria sottile possiede questa forza narrativa ed è probabilmente la migliore storia alpinistica che sia mai stata scritta."
La Stampa
"La tragedia sul 'Tetto del mondo' viene raccontata da Jon Krakauer in modo magistrale."
Corriere della Sera

UN BRANO
"A cavalcioni del tetto del mondo, con un piede in Cina e l’altro in Nepal, ripulii la maschera d’ossigeno dal ghiaccio che vi si era condensato sopra e, sollevando una spalla per ripararmi dal vento, abbassai la sguardo inebetito sull’immensa distesa del Tibet. A un certo livello, con distacco, comprendevo che la curvatura dell’orizzonte terrestre che s’inarcava ai miei piedi era uno spettacolo eccezionale. Avevo fantasticato tanto, per mesi e mesi, su quel momento e sull’ondata di emozioni che lo avrebbe accompagnato; e ora che finalmente ero lì, in piedi sulla cima del Monte Everest, non riuscivo semplicemente a radunare energie sufficienti per concentrarmi."

Informazioni aggiuntive sul prodotto

Titolo Aria sottile
Sottotitolo Una tragedia del nostro tempo raccontata da un grande scrittore
Collana Exploits
Autore Jon Krakauer
Editore Corbaccio
Data 1998
Pagine 352
Dimensioni 14,5 x 21 cm
Formato Cartonato con sovracoperta plastificata
Illustrazioni Bianco e nero
Lingua Italiano
ISBN o EAN 9788879722681

Raccomandiamo inoltre

Estremi
18,60

Cerca anche queste categorie: Corbaccio, Alpinisti e grandi imprese